©2019 di Suite160 - "Luxury mood".

La Terra dei Centenari

Ti accompagneremo a scoprire i segret della longevità di noi Sardi.

Qual è il segreto della longevità sarda? Uno stile di vita semplice, una dieta equilibrata e composta da prodotti biologici, offerti generosamente dalla terra, oltre a fattori genetici, hanno contribuito a creare un mix benefico: un vero elisir di lunga vita, che da tempo è al centro dell’attenzione di studiosi e ricercatori. Ti accompagneremo nei luoghi più caratteristici dell’isola per ascoltare le storie, i frammenti di vita preziosi, di pastori e contadini e insieme allo chef cercheremo di carpire tutti i segreti della buona cucina sarda: la dieta dei Centenari.

anziano_edited.jpg

[D.M.C. Sardegna & Tour Organizer]

I nostri Progetti di viaggio

Siamo nati in Sardegna, e come tutti i sardi siamo orgogliosi delle nostre origini e della nostra terra. Sappiamo che l'ospitalità e la generosità sono due aspetti fondamentali del nostro D.N.A. ragion per cui i nostri viaggi saranno delle esperienze che ti porteranno a conoscere le tradizioni l' enogastronomia il modo di vivere che ci hanno resi una delle regioni più longeve del pianeta.

Alla scoperta degli Autori sardi

Il tour di "Paese d'ombre" di Giuseppe Dessì.

Ci addentreremo in un quadro dipinto dall’abile penna di Dessì, che con tratto leggero ma deciso, delinea il paesaggio e la storia di un paesino sardo del 1800 e tra miniere, scioperi, una popolazione che si infiamma, battaglie per il pane, l’olio e il grano, ci racconta di una Sardegna inedita. Sullo sfondo di uno dei più bei romanzi del 900, sperimenterai un viaggio ricco di emozioni, un tour straordinario fra monti e mare. Attraverso gli occhi di Angelo Uras, il personaggio principale del romanzo, camminerai, a ritroso nel tempo percorrendo sentieri che parlano di una terra selvaggia, ribelle e a tratti sconosciuta: da un lato, la Sardegna degli scioperi di Buggerru e dei primi moti italiani per il lavoro, quella dell’epopea di Don Fulgheri e di Angelo Uras, la guerra d’Africa, la prima industrializzazione; dall’altro lato, la terra dei boschi secolari, delle bellezze naturali che la Regia Società delle Miniere voleva trasformare in cave, in legna per traversine e combustibile. Attraverso le immagini scritte da Dessì, chi intraprende questo viaggio troverà, nella bellezza di un ambiente ancora selvaggio, una risposta a quell’aura di mistero che ancora accompagna la nostra isola.

giuseppe-dessì_edited.jpg

Il tour di Prometeo

Itinerari narrati.

Non solo maschere, ma osserveremo da vicino anche le trame della rete di attività che contribuiscono alla buona riuscita delle celebrazioni, permettendo agli artigiani di produrre il materiale di cui hanno bisogno per realizzare le maschere e gli ornamenti indossati fieramente durante i riti del carnevale sardo. Un percorso da fare lontano dalla confusione della festa, durante il periodo di riposo delle maschere, per comprendere a fondo il religioso senso di appartenenza e comunitarismo, che lega a maglie strette, i sardi alla loro terra e ammirare la trasformazione dell’uomo in maschera, e della maschera in un’ombra proveniente dal passato. Lo scopo di questo viaggio è di scendere, ad uno ad uno, i gradini che portano verso una comprensione dell’irrazionale, ciò che mai la realtà potrebbe accettare. Incontrare chi indossa queste maschere, comprendere cosa si cela dietro questi antichi rituali, toccare con mano e vedere con quanta cura si creano i simboli per eccellenza del Carnevale.

maschera_mamuthone_1659_edited.jpg

Il carnevale in Sardegna

Itinerari narrati.

Un viaggio alla scoperta di sapori autentici e tradizioni senza tempo, nel cuore pulsante della Barbagia, per conoscere più da vicino, la storia delle Maschere del Carnevale, accompagnati dal gusto unico del Vino Cannonau e di prodotti genuini, tipici della cultura gastronomica dell’isola.
Un weekend a contatto con le realtà dei paesi di Mamoiada e Orgosolo, per ammirare i Murales, grandi quadri di strada che colorano le loro case. Conoscerai riti leggendari, che si tramandano ancora oggi, di generazione in generazione, come quello dei Mamuthones: una delle maschere simbolo del Carnevale in Sardegna. Assisterai ad una dimostrazione culinaria davvero speciale: la preparazione di una pasta molto rara,“su Filindeu”, dal sardo fili di Dio, verrà preparata dalle sapienti mani di una delle poche eredi di questa tecnica antichissima.

mamuthone_edited.jpg

il tour dell'arte

Artisti e pensatori di Sardegna

Un’immersione culturale, un viaggio dell’anima, un camminare lento e introspettivo attraverso lo sguardo di artisti che hanno segnato un’epoca. Un percorso in direzione dei luoghi che ci permetteranno di raccontare la storia di alcuni dei più grandi artisti sardi del 900: Biasi, Figari, Fancello, Nivola, Ciusa, Maria Lai, Dessi’, Satta, Lobina. Le loro opere saranno lo specchio dei luoghi che visiteremo: la scrittura, la pittura, la scultura diventeranno strumenti per descrivere un mondo antico, catturato dalla maestria della loro arte.

100_1034_edited.jpg

Le strade del grano

Traguardi raggiunti

Il grano ricopre, da sempre, un ruolo fondamentale nella nostra alimentazione. Ci addentreremo in un viaggio senza tempo, nel quale antichi saperi e antichi sapori vengono tramandati, dalla terra alla tavola. Durante questo tour, tra le aziende del territorio, incontreremo e conosceremo i produttori: da coloro che seminano grani antichi, (come il grano senatore cappelli e il farro monococco), a quelli che li lavorano fino a trasformarli in farina, a coloro che la impastano con cura per ottenere dolci o primi per le nostre tavole. Insieme allo Chef avremo il piacere di essere i diretti protagonisti della preparazione degli impasti e dei piatti tipici, che cucineremo e assaggeremo infine con orgoglio e convivialità.

grano3_edited.jpg

Questa è la recensione di un vostro cliente. In questa sezione potete condividere ciò che hanno detto i clienti su di voi, sui servizi che offrite e sul successo che hanno ottenuto grazie al vostro contributo. I visitatori del sito non vedranno l'ora di affidarsi a voi!

S. Russo